Perchè noi? Nel 2016 abbiamo pubblicato metodi semplici e rispettosi dell'ambiente per la cura delle api. I nostri contributi hanno oltraggiato principalmente gli apicoltori, che hanno inconsciamente e falsamente informato della difficoltà nel mantenere le api.

Avvertenza: se stai cercando risposte a domande su come migliorare la cura delle api, non puoi ignorare questi fatti!

Le api esistono sul nostro pianeta da oltre 150 milioni di anni. L'intervento umano nell'ecosistema, non permette alle api europee  di sopravvivere da sole.

Sono diventate una specie a rischio nella nostra regione. Senza la cura e l’aiuto degli apicoltori sarebbero estinte, e ciò avrebbe un impatto catastrofico sull'intero ecosistema ambientale.

Il nostro obiettivo è quello di creare un sistema di apicoltura ecologica senza l'uso di sostanze chimiche. In  modo  del tutto sostenibile. Attualmente abbiamo centinaia di colonie di api.

Ogni colonia è monitorata grazie all’utilizzo delle più recenti tecnologie. 

La tecnologia che usiamo è stata appositamente realizzata per aiutare gli apicoltori.

L'apicoltore ottiene una panoramica completa della salute e della produttività dei suoi alveari

Grazie a questa tecnologia, nessun intervento, che prima era indispensabile, non è più necessario. È al 100% biologica, 100% priva di residui, innocua per le api, facile da usare, utilizzabile tutto l'anno anche all’interno del flusso nettarifero del miele e come risultato si avrà il massimo effetto. La tecnologia è progettata per essere accessibile a tutti, non vi è nessuna configurazione da effettuare, nessuna necessità di configurare il sistema.

ALCUNI ESEMPI DI INFORMAZIONI, LA TECNOLOGIA CHE AIUTA L’APICOLTORE:

Peso dell’alveare (guadagno o perdita oraria, giornaliera, settimanale e mensile)

Temperatura e umidità all'interno e all'esterno di un alveare danno informazioni riguardo alla forza della colonia.

La pressione atmosferica fornisce informazioni sul tempo

Numero di api presenti nella colonia e presenza della regina. L'allarme per la presenza o l’assenza della regina è cruciale per un apicoltore .

Allarme di furto e allarme per danni causati da parte di animali o dal vento 

La previsione di uno sciame è calcolata in base al suono emesso dall'ape (3 settimane prima, 2 settimane prima, 1 settimana prima)

La durata delle batterie va da 1 a 5 anni

Confronta la forza e la produttività delle colonie

Sai cosa fanno le tue api durante l'inverno?

Questa è la reazione delle api ai fuochi d’artificio avvenuti durante il Capodanno 2017.

Questo è un furto di api. Da 73 kg a 33 kg in 8 ore.

Il nostro progetto è supportato da decine di migliaia di persone e aiuta migliaia di colonie di api.

ALTRI MODI PER CONTRIBUIRE E AIUTARE

Alcuni di voi non possono contribuire, ma ciò non significa che non possiate sostenerci:

  • Potresti chiederci qualcosa o inviarci un elogio.
  • Puoi condividere o lasciare un commento anche tramite social media

Scopri i segreti del comportamento delle api e rimuovi per sempre tutte le ambiguità nel loro allevamento.

Se stai leggendo questo articolo in questo momento perché non puoi rispondere ad alcune domande sull'apicoltura, allora hai ragione. Imparerai come navigare efficacemente in una rete di opinioni confuse in modo da non perdere più alveari, che non ti costa molti soldi e che non devi leggere un altro libro, che ancora non lo farebbe portare qualsiasi risultato.

Tu e le tue api state combattendo alcuni di questi problemi?

Problemi con la madre
Morte sconosciuta della madre, riluttanza ad adottare una madre, incapacità di crescere la propria madre, perdita della madre e formazione di trombe quando la madre ha iniziato a produrre

Problemi con il comportamento delle api
Suscettibilità al saccheggio, tendenza allo sciame, aggressività verso le persone, aggressività durante gli interventi di apicoltore, riluttanza a costruire favi

Problemi di raccolta
Piccola produzione di miele, quando, quale e quanto nutrire, come stimolare, portano già il nettare?

Problemi con le malattie
Problemi di zecche persistenti, quando trattare?

Problemi meteorologici
Morti in inverno o durante l'anno, sviluppo in tarda primavera, alveari rimasti danneggiati dopo la tempesta, come faccio a sapere se sono al sicuro durante l'inverno

Problemi alle apparecchiature
Quale tipo di alveare scegliere, quale dimensione del telaio utilizzare, alveare isolato o non isolato

Altri problemi
Spruzzi di agricoltori, problemi con gli apicoltori che viaggiano

Prendersi cura delle api è estenuante, finanziariamente impegnativo e talvolta ti fa piangere? Probabilmente non è colpa tua!

Non importa in che clima hai le api, o quanto è bello l'anno, o quali sono i tuoi alveari e le tue attrezzature. Non importa nemmeno quale linea di api hai. Prima di arrenderti e iniziare a sostenere che è destino, che è colpa del cambiamento climatico, prova questo altro esperimento, per convincerti del contrario. C'è sempre speranza.

Abbiamo portato agli apicoltori una soluzione semplice e collaudata per eliminare anche i problemi più gravi con le api.

Non credere a BUGIE e MITI sull'apicoltura e sul comportamento!

È incredibile che i miti diffusi da alcune organizzazioni, apicoltori, ma anche dal grande pubblico siano ancora promossi. Ciò nonostante sia stata condotta un'enorme quantità di ricerche sulle api e sul loro allevamento. Purtroppo, le api hanno vissuto qui per 150 milioni di anni e ora sono letteralmente una specie in via di estinzione. All'inizio del XX secolo, un apicoltore era in grado di prendersi cura di 500 alveari, e oggi la maggior parte degli apicoltori ha difficoltà a gestirne anche 50.

Mito #1:

„Un alveare isolato è meglio."

FATTO: Alcuni apicoltori utilizzano alveari isolati, altri non isolati. I due gruppi discutono costantemente su cosa sia meglio. Gli alveari isolati sono più grandi, più pesanti e più difficili da mantenere. Gli alveari non isolati hanno un isolamento termico più scadente. Gli apicoltori con alveari isolati sostengono che le api devono mantenere quanto più calore possibile in inverno. In estate hanno bisogno di protezione dal surriscaldamento del sole in modo che non debbano raffreddarsi così tanto e possano produrre più miele e non indebolirsi. Gli apicoltori che hanno alveari non isolati dicono che alle loro api non importa. E qual è la vera verità? La ricerca conferma che alle api non interessa. In inverno, non riscaldano affatto l'intera area dell'alveare, riscaldano solo il grappolo, nel quale si ritirano, e all'esterno può facilmente esserci la temperatura negativa. Non preoccuparti del tipo di alveare che hai. L'importante è che tu possa lavorare bene con esso.

Mito #2:

„Una madre accoppiata avrà una prole che tende a sciamare."

FATTO: Molti proprietari di api credono che le madri sciamate portino materiale genetico, che provoca la tendenza a sciamare. Ricerche approfondite su questo argomento hanno dimostrato che questo non è vero. Non c'era alcuna tendenza misurabile per le api a sciamare dalle madri, che sciamavano.

Mito #3:

„Le colonie di api aggressive porteranno più miele."

FATTO: Gli apicoltori cercano di allevare madri miti e, d'altra parte, l'affermazione prevalente è che gli alveari con madri miti non producono tanto miele quanto gli alveari più aggressivi. Nessuna ricerca ha mostrato alcuna dipendenza della produzione di miele dall'umore delle colonie di api.

Mito #4:

„Le api non devono aprirsi in inverno."

FATTO: Gli apicoltori cercano di non aprire le api durante l'inverno. Nel periodo che va da fine agosto a marzo dell'anno successivo, praticamente non hanno idea di cosa stia succedendo alle api. Gli apicoltori ritengono che se guardano l'alveare, il disturbo del freddo sarà tale che le api periranno al 100%. Tuttavia, le api sono relativamente attive durante questo periodo. A loro non importa affatto una breve occhiata all'alveare, anche quando è a -10 ° C fuori. Ciò che le api disturbano davvero sono gli shock. Reagiscono a loro con eccitazione e se durano troppo a lungo possono disturbare il cluster invernale. Quindi le api si diffondono intorno all'alveare e si congelano.

Mito #5:

„Non devono esserci troppe arnie sull'apiario"

FATTO: Gli apicoltori dicono che le api moriranno di fame se ce ne sono troppe in un'area. Affermano che il paese è sovrappopolato e che ha un impatto sulla produzione di miele. Ma la realtà è che ci sono apiari in cui ci sono diverse migliaia di alveari in un unico posto. Le api possono coprire un'area di 100 milioni di m2 intorno al loro alveare, quindi non c'è praticamente alcun rischio di sovraffollamento. Il problema potrebbe essere piuttosto l'avidità dell'apicoltore, che prende tutto il miele durante la raccolta del miele. Se in un dato momento le api non hanno un posto da cui portare il nettare, allora stanno davvero morendo di fame.

Myth #6:

„Un apicoltore esperto mi consiglierà“

FATTO: An experienced beekeeper can advise you, but it is very difficult for him. He doesn't know your bees, he doesn't know what you've done to them and he doesn't know how they behaved over time. Hives are a complex organism and it is important to know the whole context. It's like coming to the doctor and he would diagnose your children based on your description. It is important that you understand the bees and that you can objectively measure what is happening to them.

Myth #7:

„Prendersi cura delle api è una sfida."

FATTO: Le persone, e persino gli apicoltori, pensano che prendersi cura delle api sia impegnativo. È ampiamente riconosciuto che richiede tempo, costa molto denaro e richiede molta esperienza e conoscenza teorica. Questa visione prevale per tre motivi:
1. Le persone hanno paura delle api,
2. Le persone non capiscono la vita delle api,
3. Gli apicoltori effettuano interventi scorretti sugli alveari.

La realtà è che prendersi cura delle api è più facile che prendersi cura di animali domestici o pollame. Se non li ferisci, possono cavarsela da soli. Portano abbastanza nettare per sopravvivere durante l'inverno, allevano la loro prole e una nuova madre, costruiscono nuovi favi e creano persino almeno un nuovo alveare che troverà nuovo rifugio. L'unica cosa è cambiata dagli anni '80. Le api devono essere curate! Devi liberarli di un parassita chiamato varoa destructor. Questo parassita è stato portato da persone dall'India e si è diffuso in tutto il mondo, e ora gli apicoltori devono imparare a conviverci.

PERCHÉ è così difficile prendersi cura delle api?

Le api non sono esseri umani e non pensano come gli umani. Le api possono sacrificarsi a beneficio dell'intera colonia di api. Accettano un sovrano e non chiedono nemmeno quando c'è molto lavoro. Dal primo giorno in cui nascono lavorano e non finiscono finché non muoiono. Per morire escono dall'alveare. L'ape ha un cervello molto piccolo, ma l'intera colonia di api ha una massa cerebrale paragonabile a quella di un cervello umano. E se calcoli il rapporto tra cervello e peso dell'organismo, la colonia di api vince sulla linea completa.

Qual è il grande segreto delle api?

La maggior parte dei proprietari di api pensa che le api stiano reagendo e hanno bisogno di pensare per loro. L'apicoltore, infatti, non è in grado di percepire la complessità dell'alveare. Non possono diagnosticare la causa dei problemi e cercano di correggere solo i problemi e non le cause. Inoltre, la maggior parte dei problemi sono stati causati dallo stesso apicoltore, semplicemente non se ne rende conto, perché la complessità del problema è enorme.

Cosa dicono di noi?

„È stato solo quando ho esaminato questo sistema che ho capito cosa stavo facendo di sbagliato e come mi sbagliavo su ciò di cui le mie api avevano bisogno. Se vuoi capire cosa pensano i tuoi e cosa fare in modo da non ferirli, ti consiglio vivamente di provare un monitoraggio completo. Non troverai niente di meglio nel nostro paese o nel mondo. È abbastanza semplice, comprensibile anche per un principiante assoluto."
Dušan H., 50 Anni, Košice

„Quando le mie colonie di api sono morte, non ho potuto trattenere le lacrime agli occhi. Mi ha colpito fino in fondo e mi sono detto che non avrei mai più voluto sperimentarlo. Sono stato fortunato a trovare questo sistema di cura delle api e ora so che riguarda solo me e che tocca a me avere api prosperose o mendicanti. Lo consiglio vivamente a tutti: questo monitoraggio aiuterà sicuramente."
Elena M., 42 Anni, Senec

„Sono molto fortunato ad aver scoperto queste persone. Anche alla mia età, hanno spostato ulteriormente questo libro. Anche se non sono tecnicamente né esperto di computer, i miei nipoti mi hanno aiutato con l'installazione. Ora so esattamente come trattare le api nelle diverse fasi della loro vita. Eppure è così semplice, basta vedere i grafici nell'applicazione e so esattamente cosa piace alle mie api."
Peter G., 74 Anni, Spišské Podhradie

Chi sono io e perché dovresti fidarti di me?

Mi chiamo Peter Kočalka e sono un apicoltore professionista. Tuttavia, non sono solo un normale apicoltore commerciale, sono interessato all'apicoltura biologica e ho sempre bisogno di capire il loro comportamento. Non solo migliaia di persone supportano già il mio approccio, ma ho sviluppato procedure per la cura e il monitoraggio delle api, che non solo aiutano gli apicoltori, ma servono anche a raccogliere dati scientifici.

Monitoraggio degli alveari e procedure comprovate di cura delle api.

Il nostro prezzo normale per la bilancia per alveare parte da 129 € e gli apicoltori ci hanno spiegato perché abbiamo un prezzo così basso. Il prezzo standard di alcuni produttori è di 280 €. Sebbene la funzionalità dei loro pesi sia inferiore e non abbiano esperienza con le api e ciò di cui l'apicoltore ha bisogno. Ora puoi pagare una piccola parte di questo importo e ottenere un'applicazione online gratuita per il tuo cellulare. Credo che la cura delle api debba essere semplice ed economica. Attraverso il nostro monitoraggio, voglio rendere questo possibile per tutti gli apicoltori di tutto il mondo. Immagina di avere api di cui non devi preoccuparti. Ti rendono felice e ti importa solo di ciò di cui hai bisogno. È quasi come se stessero comunicando con te. Basta immaginare. Finalmente hai tutto sotto controllo e se qualcosa va storto, puoi scoprire perché. Niente più tristezza, niente più api brulicanti, niente più frustrazioni e situazioni imbarazzanti.

DATI DEMO DAL NOSTRO APIARIO

Temperatura interna, Temperatura esterna

Umidità interna, Umidità esterna

Pressione dell'aria

Peso

Frequenza, Volume

CO2

Stato delle batterie

Ultimi post